IMPRESE STORICHE

LEGGI I PROFILI DELLE AZIENDE

BIALETTI

scroll to read

Dipendenti: 1.026
Fatturato: 153mln€

www.bialetti.com

Dal 1919 l’azienda fondata dal genio di Alfonso Bialetti è diventata icona globale del caffè e simbolo del vivere italiano; merito anche dell’iconica Moka Express lanciata nel 1933, diventata vero e proprio oggetto di design e di culto e ancora oggi venduta in 2 milioni di pezzi in un anno. Oggi, a presiedere un Gruppo che opera in 80 paesi del mondo e conta due stabilimenti produttivi, una filiale per la gestione della rete retail in Italia e 6 filiali commerciali (Francia, Germania, Turchia, Giappone, Stati Uniti e Australia), c’è Franco Ranzoni: «Il caffè Bialetti nasce da un metodo specifico e attentamente studiato, il Metodo Bialetti appunto, che permette di ottenere miscele uniche e inconfondibili, capaci di offrire una vera esperienza italiana ad ogni tazzina; un caffè che si distingue per qualità e gusto eccellenti. Il 2021 poi segna una nuova svolta nella nostra storia centenaria: Bialetti ha presentato Perfetto Moka, il primo caffè macinato pensato appositamente per la Moka». Da un punto di vista aziendale, il rispetto e la valorizzazione delle risorse umane, il risparmio e l’ottimizzazione nell’uso dei materiali, la riduzione dei consumi energetici e il miglioramento dell’impatto del business sull’ecosistema sono alcuni dei driver di Bialetti. «Oggi siamo consapevoli di essere uno dei più rilevanti esempi di Made in Italy e ogni giorno ci facciamo portatori di questo concetto», conclude il Presidente Ranzoni.

FALEGNAMERIA FANTONI

scroll to read

Dipendenti: 7
Fatturato:  1,6mln€
Castegnato (BS)

www.falegnameriafantoni.com

Il bisnonno avviò una falegnameria che, ancora oggi, prosegue con a capo l’erede Michele l’attività di progettazione e produzione di imballaggi in legno, «prodotti che vengono utilizzati nell’industria, nelle officine meccaniche ma anche per proteggere opere d’arte o auto che vengono spedite dall’altra parte del mondo». A raccontarlo è proprio Michele Fantoni, classe 1971, alla guida ma anche direttamente coinvolto nella produzione di un’azienda che realizza completamente all’interno gabbie di legno per viaggi in area europea e casse per imballaggi che prendono la strada che porta a ogni continente. «In questo caso si tratta in particolare di protezioni per spedizioni marittime, aeree o terrestri. Per proteggere i prodotti prevediamo anche l’inserimento di dispositivi antiurto, in alcuni casi anche satellitari per avere sempre sotto controllo la produzione. Spesso, infatti, si tratta di auto di lusso ma anche di macchinari industriali di grande valore, che devono essere massimamente protetti durante il tragitto». Impeccabile la rispondenza alle normative vigenti. Fantoni racconta poi di una realtà tutto sommato piccola ma flessibile, in grado di rispondere in maniera molto veloce alle richieste, anche quelle più urgenti. «Ragion per cui è il passaparola la base del nostro giro d’affari: i clienti ci riconoscono un prodotto e un servizio di qualità che dà garanzia nel tempo».

GERARD’S

scroll to read

Dipendenti: 30
Fatturato: 5mln€
Provaglio d’Iseo (BS)

www.gerards.it

Da impiegata nell’azienda di uno zio particolarmente eclettico e creativo, Renata Pelati è passata a diventarne, negli anni, socio e amministratore. «Nasciamo nel 1970 per la produzione di cosmetici, attingendo sin da subito alla natura per tutti i principi attivi. Io arrivo nel 1984 con l’obiettivo di costruire l’export dell’azienda, per poi rilevarla cinque anni dopo. Il mondo nel frattempo era cambiato, – racconta – c’erano grossi player e noi ci siamo riposizionati sul mondo dell’estetica con la costruzione di nuovi protocolli, tecniche e formazione. Oggi abbiamo tutta la filiera di lavoro interna». Nel 2007 arriva la figlia Luana, che gestisce il settore del private label, in cui crede fortemente. Con la globalizzazione piccolo è bello ma occorre infatti pensare al futuro: «L’azienda resta in mano alla famiglia ma ci guardiamo intorno, per capire se può essere utile valutare altre strade senza snaturare la nostra identità». Gerard’s 20 conta su 35 agenti monomandatari e una rete di distributori esteri, soprattutto in Cina e Arabia Saudita. Renata Pelati, 67 anni, da sempre è attiva nella lotta a favore dell’equilibrio di genere. «Ho da poco terminato il mandato di presidenza dell’European Women’s Management Development, network internazionale che costruisce e rafforza le competenze delle donne e sono tra le fondatrici de LE Imprenditrici di Confindustria Brescia».

GNUTTI CARLO

scroll to read

Dipendenti: 4.000
Fatturato: 900mln€
Maclodio (BS)

www.gnutticarlo.com

101 splendidi anni, una quarta generazione ancora attiva in azienda, seppur nel rispetto delle deleghe concesse in un processo di managerializzazione concluso già una quindicina di anni fa; un percorso di internazionalizzazione avviato da oltre un ventennio e una realtà industriale che oggi conta 13 stabilimenti in 8 paesi. Claudio De Conto ne è ad da due anni: «Gnutti Carlo nasce per fornire componenti per macchine agricole e la sua evoluzione è molto legata allo sviluppo economico del Paese. Una serie di acquisizioni a livello internazionale ha portato l’azienda ad avere due linee di business principali: la pressofusione di alluminio e magnesio e i componenti di motori per macchine movimento terra e camion». Una mentalità imprenditoriale vera, aperta alla comprensione del mercato a livello internazionale è quella che riconosce alla realtà di cui è vicepresidente Mario Gnutti (nella foto): «Abbiamo sviluppato una capacità di adattamento all’ambiente esterno per mantenere i livelli di competitività in un settore davvero molto complesso. La nostra innovazione è insita nel trovare soluzioni sempre nuove, che consentano di mantenere o aumentare le quote di mercato. Ciò vale anche per il futuro, non a caso stiamo guardando allo sviluppo nel mondo dei pannelli solari e studiando ulteriori diversificazioni».

LA SPOSA GROUP

scroll to read

Dipendenti: 6
Fatturato: 500.000€
Brescia

www.lasposagroup.com

Fabrizio Filippini Inzoli rappresenta la terza generazione di La Sposa Group, realtà specializzata nella produzione artigianale e vendita di abiti da sposa, fondata dalla nonna Aldina Filippini nei primi anni del dopoguerra in provincia di Brescia per poi spostarsi, nel 1969, nel cuore della città. Oltre a Collezioni La Sposa, infatti, ci sono SposiIdea, atelier che offre soluzioni di qualità multibrand e dall’appeal giovane e dinamico, e Revenge, l’atelier d’élite per le spose che desiderano un vestito totalmente su misura. Collezioni La Sposa è però l’azienda storica da cui nasce anche una delle invenzioni che ha poi rivoluzionato il settore. Come spiega Filippini, che da due anni ricopre il ruolo di amministratore ma lavora in azienda dal 1994: «una delle nostre caratteristiche distintive sono le Private Capsule Collections Couture, abiti che sono veri e propri pezzi unici in quanto realizzati da designer couture sulle esigenze della sposa». Sartorialità, attenzione ai tessuti e alla manodopera, garantita 100% italiana, e servizi di assistenza ad hoc rappresentano il fil rouge che lega tutte le società del Gruppo. «Per la realizzazione dei nostri abiti ci affidiamo esclusivamente a fornitori della filiera italiana per garantire la qualità del prodotto, che si può dire a chilometro zero. Stiamo anche studiando un nuovo progetto per il riciclaggio dei tessuti per ridurre il nostro impatto ambientale».

VEZZOLA

scroll to read

Dipendenti: 100
Fatturato: 55mln€
Lonato del Garda (BS)

www.vezzola.com

Fondata alla fine degli anni 50, per mano del nonno e dei suoi figli, la Vezzola ha prosperato già negli anni in cui la ricostruzione e il Boom economico chiedevano materiali in grande quantità. Nel tempo l’attività si è ampliata a settori affini «e oggi – racconta Cristina Vezzola, CFO e amministratore dell’azienda con il padre e il fratello – operiamo nel settore delle cave, dell’asfalto, in cui abbiamo tre plant, e abbiamo impianti di calcestruzzo in joint venture con altri partner. Il fatturato si divide grossomodo in parti uguali nella produzione dei materiali e nelle opere infrastrutturali, come opere stradali, gallerie, opere ferroviarie, ad esempio l’Alta Velocità. Non solo: realizziamo scavi, sottofondi stradali, allestimento di discariche, vasche per rifiuti». Un ulteriore settore su cui l’azienda è impegnata è l’edilizia industriale. Tante attività che sono il frutto di una storia votata alla flessibilità, anche in base all’andamento del mercato. «Lavoriamo con Autostrade, per l’A4 e l’Autostrada del Brennero, ma anche con consorzi privati per la realizzazione opere ferroviarie, e moltissimo con enti pubblici. Abbiamo appena acquisito la commessa per la realizzazione della ciclovia culturale Brescia-Bergamo per la parte bresciana». Cristina Vezzola, 58 anni, racconta con passione di una realtà che realizza da due anni il Bilancio di Sostenibilità e ha obiettivi di controlli serrati sul discorso ambientale, sicurezza e gestione ambiente. «Vogliamo usare meno materiale naturale e più rigenerato, investiamo nell’innovazione e nella digitalizzazione delle informazioni».

About

Il premio più ambito dedicato all’imprenditoria del territorio di Monza, Brianza, Como e Lecco... e ora Brescia: un vero classico della piattaforma d’impresa BtoB Circle.

Contatti

Telefono: 039 231 5288

Mail: btobawards@hubnet.it

Indirizzo: Via Camillo Benso Cavour, 2, 20900 Monza MB

Seguici

Powered by

Contatti

BtoB Awards Brescia

Il premio più ambito dedicato all’imprenditoria del territorio di Monza, Brianza, Como e Lecco... e ora Brescia: un vero classico della piattaforma d’impresa BtoB Circle.

Telefono: 039 231 5288

Mail: btobawards@hubnet.it

Indirizzo: Via C.B.C. Di, Via Camillo Benso Cavour, 2, 20900 Monza MB

Powered by

Seguici

Privacy Policy

©BtoB Awards 2023. All Rights Reserved. | Esse Editore Srl | Via C.B.C. di Cavour, 2 | 20900 Monza – P.IVA/Cod. Fiscale 06623970966 – btobawards@hubnet.it